Giardini commestibili

20180808_085900

La casa che abbiamo affittato per le vacanze al mare ha un giardino rigoglioso e, fra tutti, spicca imponente un melo alto più di 2 piani: sui sei metri. Oltre alle tracce dei tre innesti di varietà diverse su altrettante branche, come si usava una volta per avere frutta per un periodo lungo, nessun segno di potatura.

E’ bellissimo, fa una bella ombra fresca e più frutta di quel che serve alla signora Marica. La vite che lo arrampica fin su in alto mostra dei bei grappoloni d’uva dorati, mentre di fianco ci sono due albicocchi, un melograno e tre ulivi. Sotto ci dorme beatamente Zorro, un gatto bianco con mascherina e mantello nero.

Ripercorro la strada che finora ho camminato frettolosamente per andare a prendere le sigarette guardando solo il mare. E’ così in tutte le case, nell’ingresso del medico condotto e nella scuola elementare. Qui, chi entra può gustare una vita di normalità.

In alcuni casi manca il melo e c’è un fico, in altri si aggiunge un susino o un pesco, oppure un prugno o due. A volte c’è un pero, altre un giuggiolo.

E’ il classico brolo: un giardino bello, fresco, colorato e commestibile che fino a una quarantina d’anni fa era normale vedere anche fuori dalle nostre case.

E così, penso ai nostri giardini condominiali, fatti con piante col nome impronunciabile ed esigenze insoddisfabili, da impresari edili maestri d’ignoranza botanica.

Lucio Montecchio

One thought on “Giardini commestibili”