Game over

20190519_093723

Però io ve l’avevo detto che non c’era più tempo.

Ci avevano provato in mille modi a farcelo capire, anche scendendo a compromessi discutibili.

E noi niente, a tagliare per il gusto di tagliare, a piantarli dove non volevano, ad avvelenarli per un po’ di mele in più, ad ammazzare quelli che pretendevano di spostarsi troppo.

Non dite che non lo sapevamo …

Lo sapevamo da quando abbiamo deciso di tagliare più alberi di quelli che crescevano.

Ne abbiamo uccisi milioni per far spazio alla soia ogm, alle piste da sci, alla palma da olio e a quell’autostrada inutile.

Lo sapevamo da quando abbiamo iniziato a violare le tombe dei loro antenati per farne gomme invernali, scarpe da tennis, moplen e bambole gonfiabili.

A comprare zucchine avvolte nel domopak e a sprecare la carta perché “tanto, si ricicla”.

Abbiamo riempito di diserbante i fossi, le tartarughe e l’acqua del rubinetto. Avvelenato le farfalle e le api. Le api!

E così, il bosco ha chiamato questa interminabile pioggia per un fuoco di copertura, per impedirci di accendere decespugliatori e motoseghe.

Eccoli qui, li ho fotografati di nascosto: sono Aceri, fanteria d’assalto. Un Battaglione San Marco perfettamente mimetizzato fra l’erba.

Tutti su col periscopio ad osservare le nostre debolezze, ad aspettare il momento buono per dare il via a una guerra chimica globale, epocale.

Sarà un’enorme nuvola trasparente, un prolungato rigùrgito di anidride carbonica. Peggio del fosgene sul San Michele.

Lo sentite già questo pizzicore al naso?

Ammazziamoli tutti, subito, o sarà troppo tardi !!!

Gino, vai col glifosate!

Lucio Montecchio

2 thoughts on “Game over”

  1. Accipicchia…ma come hai ragione. Sono stata recentemente in montagna e, dalla finestra dell’albergo, vedevo solo alberi. Non ridere, ma ogni mattina parlavo con loro. Loro capivano e mi rispondevano, mi dicevano le cose che hai scritto, che sono stufi di fare da parafulmine per noi, che sarebbe ora che il mondo si svegliasse e cominciasse a preoccuparsi dei cambiamenti climatici che stanno uccidendo non solo loro ma anche noi.

  2. Difficilmente ringrazio chi mi segue (penso brutalmente che sia un do ut des) ma questa volta ho davvero piacere a ringraziarti, Lucio perché mi hai consentito di scoprire un blog molto interessante. E in particolare questo articolo che ha validi spunti poetici.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.