CoviBlues

Ciaff … ciaff … ciaff … ciaff

Ciaff … ciaff … ciaff … ciaff

Lo conosco quel pallone, è un Jordan Legacy con la sagoma nera di MJ che sembra disegnata da Danijel.

Conosco anche Marco, praticamente l’ho visto nascere e ora ha 19 anni. Da quand’era bambino e fino a un anno fa passava i pomeriggi in questo campo da basket fra la chiesetta e l’argine con tutti i suoi amici. Giocavano, ridevano, chiassavano e si prendevano in giro per far colpo sulle ragazzine.

Conosco anche quel ciaff ciaff triste e monotòno. La prima volta è stato parecchi anni fa, dalle mani di Son House che ritmavano Grinnin’ in your face. Mani, voce e il crepitìo di un vinile di seconda mano.

Blues.

Suoni e movimenti: quel che mi faccio bastare per riconoscere i vicini. Lontani, uguali, senza le labbra.

Chissà se anche a loro stanno crescendo queste placche ispide sulla schiena.

Io resto qui, aggrappato allo schienale della panchina con le palpebre che si stanno lacerando lentamente, lentamente, senza dolore.

Aspetto i colori.

Aspetto il rosso della ragazza che cammina controcorrente. E’ un bug del sistema, lo so, ma va bene così.

Blues.

Lucio Montecchio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.