La sete

Viaggio molto.

Centinaia di alberi piantati negli spazi dove l’anno scorso giocavano i bambini stanno morendo di sete (di sete, cacchio, non di malattie!).

Alberi inadeguati al terreno e al clima, già troppo grandi, con una sete uguale al numero delle tante foglie.

Piantati in quantità e non in qualità da chi diceva di amare gli alberi e che gli alberi sono sacri, ma che l’ha fatto con la calcolatrice in mano e il cuore in tasca solo per assorbire i troppi chili di anidride carbonica nell’aria (questo caldo qui, per intenderci).

Alberi che in pochi mesi marciranno in discarica o saranno bruciati e che in ogni caso libereranno quei tanti chili di anidride carbonica che loro stessi hanno catturato da quando sono nati a oggi.

Ce ne vorranno altrettanti, di alberi, per assorbire quell’anidride carbonica.

Le sostituzioni perciò non risolveranno il problema originario, quello della calcolatrice.

Ci vorranno anni, per arrivare al pareggio di questo extra-inquinamento che fino a pochi mesi fa non c’era.

Nel frattempo i bambini giocano in casa col condizionatore acceso e imparano da noi che gli alberi sono cose. Solo cose.

.

Il gatto, la coda, il gatto, la coda.

#andratuttobene

.

LM

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.