Tag: patologia forestale

La morale è sempre quella …

20180806_145839

Questa storia si svolge sulla costa rocciosa di uno di quei paesini aromatici fatti di vento, di mare e di sole.

Pigiate pure su questo link, chiudete gli occhi e immaginate una cartolina dalla quale, sulla destra, fa capolino uno dei più bei pini domestici che ci siano nel Mediterraneo.

“Sarebbe da passarci le estati, in questo spicchio di paradiso”, sussurra Gioia.

Cesare le cinge la vita, sorride in silenzio e, una volta tornato a casa, trova un accordo col proprietario e con un architetto alla moda, a condizione che quell’immagine col pino non venga turbata.

Dopo poco tempo, molto lavoro e una gran spesa, appare d’incanto il giardino più bello della costa ligure.

Per dare corpo e profondità allo spazio tra la villa e il mare, ora ci sono piccole ondulazioni che ricordano vagamente i terrazzamenti tradizionali, macchie di fiori rosse che si alternano ad altre gialle. E poi ligustri, ginestre, tamerici, cipressi e molti più pini di prima.

La festa a sorpresa i vicini se la ricordano ancora, coi prodotti tipici della costa genovese, la musica fino a tardi e i giochi gonfiabili di Alberto stesi sul prato.

 

Il grande vecchio è sempre là in fondo, a far la guardia al mare. Superbo e orgogliosamente impassibile.

A dir la verità, però, il malessere che gli sale dalle gambe è sempre più insopportabile.

A dir la verità, molti camion fin troppo carichi l’hanno sempre schivato a malapena, pur di finire i lavori in fretta.

A dir la verità, gli elettricisti hanno tagliato un bel po’ di radici, pur di risparmiare sulla lunghezza del cavo che collega i lampioncini.

A dir la verità, l’architetto ha imposto di caricare un bel po’ di terra attorno al tronco, pur di soddisfare geometrie e coni visuali.

A dir la verità, i giardinieri ci hanno buttato sopra quel terreno morto che avevano già sul camion dopo aver scavato lì vicino, pur di far presto.

“Il giardino è perfettamente identico al plastico appoggiato sul tavolo, no? Chi mai scoprirà cosa c’è sotto a questo meraviglioso tappeto d’erba che ricopre e maschera tutto?”

Come chi? Il pino!

E così, tra radici rotte e marcescenti e un coperchio di terra sterile sigillato da uno strato d’erba che impedisce ogni scambio d’aria, il protagonista della cartolina più bella oggi è moribondo.

Asfissiato, affamato e assetato. Invecchiato di 100 anni in pochi mesi.

La morale è sempre quella: anche per dipingere un muro grande, ci vuole un pennello piccolo.

E cuore, molto cuore.

Lucio Montecchio

L’insostenibile leggerezza della presunzione

Da qualche mese mi diverto a salvare le schermate di alcune pagine social italiane e straniere che riportano svarioni tra il risibile e l’assurdo in merito alla diagnosi e alla conseguente cura di alcune malattie degli alberi.

La cartella dove le salvo si chiama Patocazzate.

Normalmente funziona così:

  • a un professionista viene chiesto di porre rimedio al deperimento della chioma di un certo albero.
  • sa di non sapere identificarne la causa, deve soddisfare il cliente con un buon risultato e prende tempo.
  • fa una foto col telefonino e la posta su Facebook, Instagram o altro, scusandosi della sfocatura e chiedendo cos’è e cosa fare.
  • inizia la gara a chi arriva prima, con tanto di causa, nome del parassita e prodotto da usare. Fantastico! A conforto, a volte non mancano i link a pagine internet che mostrano foto di anomalie simili. Può anche capitare il genio incompreso che, foto alla mano, dimostra che senz’altro si tratta di malattia di quarantena e che perciò va trattata col tal principio attivo, secondo lui efficacissimo. Spesso in violazione a leggi che dovrebbero essere rispettate anche in una realtà virtuale.
  • Dopo poche ore compaiono diagnosi anche molto diverse, da persone diverse che vivono in posti anche lontanissimi. Tizio dice che è colpa della fuliggine e della vicina canna fumaria: di spegnere la stufa. Caio sostiene che sono le radici a essere malate e di usare quel fungicida, linkando una pagina internet così vecchia da riportare prodotti ormai aboliti e illegali. Sempronio dice “non lo so, ma certamente non ha speranze: taglialo”.
  • Tutte le opinioni sono seguite da un certo numero di Like, e nella democrazia social abitualmente vince quella più votata, che non necessariamente è quella giusta.
  • Sorrido, salvo la schermata e resto seduto al Facebar.

La dilagante, presunta inutilità della conoscenza e dell’aggiornamento nel proprio settore professionale mi ricorda quello sketch di Natalino Balasso nel quale simula un’intervista a sé stesso e orgogliosamente giustifica il suo non-sapere con “i libri alle mie spalle non li ho letti. E comunque non sono miei”.

La fiducia cieca nelle reti digitali invece mi ricorda di quando in una “Bustina di Minerva” Umberto Eco raccontava di aver inventato di sana pianta la biografia di un nobiluomo dell’ottocento (o forse un condottiero, vado a memoria) e di averla inserita senza alcun problema in una wikipiattaforma. Incredulo feci la stessa cosa, scrivendoci una rassegna sulle simbiosi micorriziche abbondantemente frutto di fantasia, condita però di cose vere. La tolsi dopo due mesi, senza particolari sensi di colpa. Era il 2009 e i miei studenti di quell’anno ridono ancora.

Tuttora nella wikipagina sul cancro del platano c’è una foto, in alto a destra, che rappresenta tutt’altro. Essendo l’eliminazione dei platani con questa malattia obbligatoria, spero davvero che nessuno si basi su quelle informazioni.

Non ho certo la pretesa di paragonare la patologia vegetale a quella umana ma, giusto per semplificare, al nostro medico non spediremmo mai un selfie dei nostri occhi arrossati chiedendo di cosa si tratta.

Se fosse, senz’altro risponderebbe “amico mio …. devo vederti, se lo ritengo opportuno ti mando da un oculista, o forse da un epatologo, o un endocrinologo, per ora non lo so. Forse sono solo le grappe di ieri sera, ricordi? Facciamo un po’ di esami e aspettiamo la diagnosi”. Non soddisfatti da una diagnosi inattesa, poi, forse chiederemmo consulto ad un altro medico, giusto per un confronto prima di iniziare la terapia.

Già … la Diagnosi. Stupida e inutile pratica preistorica, ante-social, che ridicolmente consiste nell’associare in modo inconfutabile l’effetto che vediamo con la causa che l’ha prodotto. Quella che ci permette di capire se le foglie si stanno seccando perché la pianta ha sete, o perché è autunno, oppure perché c’è il tal insetto sulla chioma, o quel batterio nei vasi linfatici, oppure quel fungo dentro agli apici assorbenti. Se la pianta l’abbiamo comprata già malata o se il parassita è stato trasportato poche settimane fa da trenta chilometri di distanza da quello scolitide!

Quella cosa che ti permette di capire se il tuo albero ha un problema reale o no, se esiste un rimedio efficace, autorizzato, come e chi può applicarlo, a che dose e con che frequenza. Oppure se davvero non ti resta che tagliarlo.

Certo, una diagnosi richiede tempo, denaro, conoscenza, esperienza e aggiornamento.

Ma, fortunatamente, se entri nella Community giusta tutto questo è superfluo.

Like !

 

Lucio Montecchio