Tag: turismo sostenibile

Tre domande secche a … Andrea Pasquini

firmate1 (5)

Padova, 22 gennaio 2020

Andrea ricorda con precisione alcune cose che gli ho raccontato tre anni fa, ma è il tipo di persona che ti lascia comunque ripetere, così almeno esaurisci l’argomento in fretta e poi si fa sul serio, perché tempo da perdere non ne ha. O, almeno, questa è l’impressione che ho avuto io.

Andrea Pasquini è autore e regista RAI e ha costruito la sua carriera sulla comunicazione e la divulgazione ambientale a vari livelli, da Sereno Variabile a Linea Blu, Linea Bianca, Linea Verde e, non ultimo, SuperQuark.

Ecco a voi le risposte che ha dato a tre mie domande secche, fatte a bruciapelo passeggiando nell’Orto Botanico della mia Università.

_______________

Andrea,

Come mai le trasmissioni televisive di divulgazione scientifica e ambientale destano sempre grande attenzione?
Il nostro pianeta è veramente molto grande e, per quanto ne sappiamo, è un’eccezione straordinaria, complessa ed unica.

Questi programmi televisivi servono ad orientarsi, a soddisfare la necessità del pubblico di conoscere sempre di più i nostri ambienti, anche attraverso la voce di chi li abita. Chiaramente, è necessario che la forma di comunicazione sia sufficientemente semplice e comprensibile.

 

Qual è la trasmissione che ti ha fatto più crescere professionalmente?

Certamente SuperQuark.

Piero Angela mi ha insegnato che per spiegare un evento, qualsiasi esso sia, bisogna prima capirlo a fondo. Sembra una banalità, ma ultimamente non la sottovaluterei.

 

E il luogo che ti è rimasto nel cuore più di altri?

Ho avuto il privilegio, grazie alla RAI, di viaggiare per tutto il mondo, ma proprio tutto. È difficile esprimere una preferenza.

Però la Faggeta del Monte Cimino è davvero, davvero incantevole…

 

La conosco anch’io! L’ho visitata un bel po’ di anni fa, un 21 luglio.

Haha … Ricordo anche la corsa in moto per rientrare a Padova in tempo per il mio matrimonio, alle 10 del giorno dopo.

Buon lavoro, Andrea!

Lucio Montecchio

L’albero – foresta

 

“Quello di cui i nostri timorosi compagni di viaggio non sembrano rendersi conto, dottore, è che fuori dalla vostra colonia c’è semplicemente una colonia più grande”

J.G. Ballard, Foresta di cristallo, 1966.

20190910_1145518471288173076688045.jpg

 

Sono più che mai convinto che un albero sia luogo, un ambiente complesso frutto del lavoro di centinaia di specie che, sotto e sopra la corteccia, convivono secondo regole ed equilibri che non capiremo mai appieno.

Un sistema implicitamente e necessariamente dinamico in grado imparare, adeguarsi agli eventi e prepararsi al futuro. Perché la vita, si sa, è molto più fantasiosa di noi.

La quercia che ho di fronte ci ha messo nove secoli a diventare com’è, cambiando chissà quante forme. E così, quell’alberello nato finché Riccardo Cuor di Leone guerreggiava con Saladino è cresciuto, ha sbagliato, ha capito, ha provato in un altro modo e negli ultimi anni ha scelto di lasciar cadere qualche ramo molto grosso pur di far spazio a rami più sottili. E’ un problema? Non per lui, evidentemente.

Ma c’è di più: negli spazi più aperti, dove le branche si aprono quasi orizzontali creando un pianoro centrale, ha lasciato che foglie e rami diventassero dapprima humus e poi un vero suolo, nel quale lasciar crescere muschi, felci e giovani alberi che affondano le radichette nella sua parte più centrale, ormai marcescente.

Quando altri rami cadranno e lasceranno penetrare più luce, loro saranno pronti a crescere.

A prescindere dall’età e dalle dimensioni, questo “albero-foresta” è certamente un monumento: alle dinamiche della natura e a chi non ha avuto tempo o voglia di ingessarlo fra cavi, cavetti e puntelli.

 

Windsor, 10 settembre 2019

Lucio Montecchio