Tag: Van Gogh

Piselli

Cattura

Famiglia aristocratica, quella del signor D’Arvì. Credo piemontese.

Secondogenito, il padre lo voleva prete. A Carlo invece interessavano i funghi, le piante e gli animali. E così, a vent’anni, si è imbarcato come mozzo dal porto di Genova verso il Borneo, a riflettere sulle cose della vita e a osservare alberi, liane, uccelli col becco tozzo, tartarughe col collo lungo e tigri albine.

Cose che aveva già visto nei racconti di Salgari e nei quadri di Ligabue.

Più che altro fu un viaggio dentro sé stesso, che lo fece tornare un bel po’ diverso: sguardo a volte perso nel vuoto, un quaderno sempre in mano, ragionamenti strambi e look hipster.

Ma come fa a disegnare i movimenti delle piante?
Lui solleva la matita dall’albero che si sta ancora muovendo, come in un film d’animazione. La pianta continua a crescere, l’edera la avvolge, ogni tanto cade un ramo e ne spunta un altro, gli uccelli ci fanno il nido e dopo un attimo i giovani volano via. La neve cade e dopo qualche secondo è già estate.

Circospetto, verifica che attorno non ci sia nessuno.

Vede, professore, è la mia mente a disegnare. Quand’ero a Sumatra ho conosciuto la dottrina Hunati e il potere della Caskia.

Caskia! L’albero sacro!

La conosce anche lei?

Per sentito dire ….

Non l’ha mai provata, vero? Oramai ci conosciamo da tempo: vuole favorire?

Mi allunga una fiaschetta d’argento istoriata. Annuso, odore di sciroppo per la tosse. O, forse, di pollo arrosto.

Si fidi, si fidi, ne faccio uso da cinquant’anni e sono ancora qui.

[ Si, ma ti sei visto? E adesso cosa faccio? Bevo? E dopo? Però quando mi ricapita? ].

Ne verso un bicchierino. E’ un liquore rosso e denso.

Meno! Molto meno! Permette? Faccio io.

Mi scusi, sono abituato con la grappa.

Ecco, così va bene. Ci vediamo là fuori.

Frastuono, colori, profumi, testa che scoppia. Esco a prendere un po’ d’aria: stavolta l’ho fatta grossa …

Solo che, fuori dalla porta, la strada non c’è più. C’è un sentiero nel bosco e lui sta passeggiando con un signore magro magro, vestito da parroco.

Le presento il collega Gregorio, questo è il nostro appuntamento del martedì sera. Lui è di Brno e conta piselli.

In che senso?

Nel senso che conta piselli, esclama ridendo e battendogli una pacca scherzosa sulla spalla.

No, dai, seriamente: sta facendo uno studio sulla genetica. Gli piacciono la statistica, i piselli, la birra e l’erba pipa. Le donne un po’ meno. E ridono complici, come due amici di vecchia data.

Quello là in fondo è un pittore olandese. Per venire fin qui succhia il blu dai tubetti del colore.

Chiacchierano camminando lentamente, con le mani dietro la schiena.

Io mi guardo attorno: è un mondo nuovo.

L’erba nasce, fiorisce e secca in pochi secondi. Gli alberi giovani diventano vecchi in pochi minuti e nel frattempo i rami si allungano e si rompono. I fusti ricrescono cambiando mille forme, sempre diverse.

Guardo verso le montagne. Il bosco rovesciato a terra dalla tempesta di ottobre sta crescendo a vista d’occhio. Il seme caduto in sovrabbondanza l’estate scorsa ha già fatto un tappeto di alberelli senza alcun aiuto, i funghi stanno trasformando in humus i tronchi che non sono stati tolti per tempo e il faggio sta prendendo il posto dell’abete quasi ovunque.

Mi giro e li guardo meravigliato, ma loro mi sorridono indicandomi il bosco, che ora è già adulto.

Benvenuto fra gli Hunati, Lucio.

Non preoccuparti, è l’effetto del succo di Caskia. Rallenta il metabolismo di mille volte. Un’ora sono mille ore. I tuoi occhi stanno vedendo con tempi diversi. Il tuo sangue scorre a un metro l’ora, come nei pini. Il tuo battito è rallentato tanto da essere impercettibile.

Te lo ricordi The Matrix? Ecco, diciamo che hai preso la pillola rossa.

Questo è il mondo che ci sta attorno tutti i giorni, da sempre. Accessibile solo a chi ha il coraggio di varcare la porta del tempo.

Da adesso gli alberi e i boschi ti saranno diversi. Saranno diverse le foglie, i fiori, le radici e …

“… e i piselli ! ”, esclama ridendo Gregorio.

Lucio Montecchio

– Storiella ispirata da Alien Earth (Edmond Hamilton, Thrilling Wonder Stories, 1949)